5 X MILLE

Anche quest’anno potete contribuire a sostenere l’Hameau des Jeunes S. Kizito, confidiamo che chi ci ha già creduto si faccia promotore verso altri amici. Grazie!!

Continue Reading Add comment aprile 7th, 2013

Barabbas’clowns: un sorriso per il Rwanda – spettacolo a Kibeho

Kibeho, località situata nel comune di Mubuga, a 30 chilometri da Butare e a 35 chilometri da Gikongoro, nella prefettura di Gikongoro, nella regione naturale del Nyaruguru, cerca oggi di rinascere dopo i tragici avvenimenti del genocidio del ’94 e ’95. I luoghi principali sono la Chiesa Kibeho e ​​il santuario di “Nostra Signora di Kibeo”, il resto è fatto di povertà, coraggio e tanta speranza.

Anche i Barabbas clowns hanno voluto contribuire a far crescere questa speranza il 6 agosto, con uno spettacolo entusiasmante e commovente grazie alla partecipazione di un grande pubblico.

“Grazie in modo particolare al Sindaco del distretto che ci ha accolto e ci ha offerto un ottimo soggiorno senza farci mancare nulla, Lo spettacolo l’abbiamo fatto in parrocchia con la collaborazione del gruppo Scout di Kibeo. Intento a coivolgere i giovani del distretto. Una promessa, il primo spettacolo in Italia lo dedicheremo a loro”.  Barabbas

Vedi tutte le foto http://www.facebook.com/pages/BARABBAS-CLOWNS/112281568788285

Add comment agosto 16th, 2012

Barabbas’clowns: un sorriso per il Rwanda- la Foresta Nyungwe (quarta puntata)

Noto come il “paese delle mille colline”, il Rwanda al suo interno ospita montagne, foreste, laghi, cascate e un’infinita varietà di piante e animali. Nella regione montuosa che confina a ovest con la Repubblica Democratica del Congo e a nord con l’Uganda si erge incontrastata la catena dei Virunga. Le piante esotiche e la vegetazione lussureggiante si estendono fino a raggiungere le rive del lago Kivu e la foresta di Nyungwe. Questa foresta è abitata da scimmie, quali gli scimpanzé e i colobi dal pelo bianco e nero, e da più di 70 altri mammiferi. Vi si trovano circa 270 specie di alberi e 300 di uccelli. Farfalle e orchidee, presenti in gran quantità, esaltano la bellezza di quest’area protetta.

Nel cuore della foresta di Nyungwe affiora un piccolo corso d’acqua che procede lentamente verso est raccogliendo le acque di altri torrenti e fiumi che incontra sul suo cammino, per poi immettersi nel lago Vittoria. Da qui le acque discendono rapidamente acquistando impeto e proseguono il loro lungo corso verso nord, oltre l’Etiopia, attraverso il Sudan, fino ad arrivare in Egitto, dove sfociano nel Mar Mediterraneo.

In questo angolo del mondo sono stati confinati i  Twa (o Batwa) da sempre stati ai margini della società ruandese. Vengono considerati Pigmei, ma a differenza di questi non sono fisicamente molto diversi dagli altri ruandesi. I Twa sono stati oppressi dai Tutsi, la minoranza aristocratica e guerriera, come dagli Hutu. È raro che possiedano della terra.
Un secondo gruppo Twa, chiamato anche Impunyu, ha vissuto fino a poco tempo fa nelle foreste dedicandosi alla caccia ed a piccole attività di raccolta. Alcuni di loro hanno curato i campi che sorgono nella foresta di Nyungwe, ma la maggior parte è stata costretta a lasciare la terra. Nei primi anni Ottanta, infatti, la foresta del Gishwati, nel nord-ovest del paese, è stata disboscata per un progetto della Banca Mondiale che prevedeva la creazione di pascoli e piantagioni di tè. Nel progetto mancava un piano di reinsediamento per gli Impunyti, così questi sono stati costretti all’accattonaggio.

Oggi la foresta ospita il campo profughi più grande del Paese!

L’avventura continua…in diretta su facebook http://www.facebook.com/pages/BARABBAS-CLOWNS/112281568788285

Add comment agosto 15th, 2012

Barabbas’clowns: un sorriso per il Rwanda (Arrivo a Kibeo – terza puntata)

Chiamato il “cuore dell’Africa” per la sua posizione geografica ad est subito sotto l’equatore; ma anche la Svizzera dell’Africa, per i suoi splendidi rilievi montuosi con vedute mozzafiato sui laghi, per il suo clima ideale e per il verde rigoglioso dovuto alle abbondanti piogge.

2 agosto – Notte di luna piena sul lago Muhazi, in tenda aspettando l’alba. Esperienza magnifica, in un ambiente naturale immersi nei suoni della natura. non pensiate che facesse caldo, alle 5,30 del mattino faceva veramente freddo!

Le giornate al campo procedono tra spettacoli, lavori faticosi e momenti di creatività in cucina. Raul cucina per quaranta professori. Non ci credevano un umuzungo (uomo bianco) in cucina! Che scuola rinomata! Pasta al pomodoro per tutti! Un successo per Raul.

Leonardo si improvvisa imbianchino. Ma dopo un anno di artistico non poteva fare di meglio! Abbiamo così deciso di dare una bella imbiancata alla casa dei ragazzi più grandi che si stanno sperimentando in autonomia come negli appartamenti Primi Passi.

Si parte per un tour di tre giorni. Prima tappa turistica la casa dei re del Rwanda a Nyanza. Quindi visita alla Foresta di Nyangwe.

Per sera arrivo a Kibeo, il paese dove nel 1982 è apparsa la Madonna. Kibeho è un villaggio nel Ruanda meridionale, nel distretto di Nyaruguru. È noto per le apparizioni mariane che vi si verificarono tra il 28 novembre 1981 e il 28 novembre 1989. Durante il genocidio ruandese, che contrappose TutsiHutu fu sede di due massacri. Il 14 aprile 1994 circa 20.000 Tutsi si rifugiarono nella chiesa parrocchiale e furono massacrati dagli Hutu. Nell’aprile 1995 il villaggio ospitava un campo profughi “protetto” da 32 militari australiani sotto l’egida dell’UNAMIR. Il 22 aprile militari irregolari Tutsi vi massacrarono tra i 4000 e 8000 (altre fonti: 500-2000) Hutu.

L’avventura continua…in diretta su acebook http://www.facebook.com/pages/BARABBAS-CLOWNS/112281568788285

Add comment agosto 14th, 2012

Barabbas’clowns: un sorriso per il Rwanda (seconda puntata)

Alla parrocchia di Karenge dove già l’anno scorso il gruppo capeggiato da Giacomo e Silvia avevano realizzato i campi da gioco dell’Oratorio.

Abbiamo condiviso con i ragazzi la gioia del clown. Il gruppo è ora al completo anche con i Barabba’s Clowns Rwanda. Abbiamo lasciato un contributo all’Oratorio di un milione di franchi (1400€ circa) una goccia in un mare di necessità.

Sempre a Karenge sfida di Basket, i barabba’s risultano vittoriosi! Alla sfida di pallavolo ne escono perdenti!

Il 1 agosto l’esordio a Musha nella sala polivalente.

“La passione che mettiamo – dice Raul Anzaghi – in uno spettacolo è la stessa passione che mettiamo nel donarci a li altri avolte basta poco per rendere felice una persona ma suppratutto rendere felice anche noi stessi”. Un momento di semplice condivisione con un naso rosso che ci ha permesso di comunicare al di là della lingua.

L’avventura continua…in diretta su facebookhttp://www.facebook.com/pages/BARABBAS-CLOWNS/112281568788285

Add comment agosto 14th, 2012

I Barabbas’clown in Rwanda un mese di spettacoli, solidarietà e fratellanza.

Partiti il 23 luglio dall’aereoporto di Malpensa, dopo  un viaggio di oltre 15 ore, Raul, Antonio, Leonardo, Diego e Massimo sono sbarcati all’ aereoporto di Kigali alla volta di Musha. Una visita al villaggio dove vivranno per circa un mese e subito la vena artistica dei clown, incontenibile, pulsa per lo spettacolo. Esordio alla Pizzeria Sole e Luna di Kigali, che sa poco di Rwanda e tanto d’Italia.  Una festa animata dal gruppo musicale dei giovani del Centro Salesiano di Gatenga. Hanno contrinuito a rallegrare la serata con le loro gags.

La vita al villaggio è impegnativa e clown di sera, i Barabbas di giorno contribuiscono all’economia della scuola, in armonia con i ragazzi e tanto, tanto lavoro. “Giornata impegnativa al villaggio, abbiamo lavorato con i ragazzi del Villaggio tutta la mattina. Al termine bagno nel lago conn loro. Sempre lavoro, abbiamo preparato la sala polivalente, un mega teatro che abbiamo all’Hameau des Jeunes. Alla sera ci sarà la prima dello spettacolo intero che inizierà agirare per il Rwanda”.

L’avventura continua…in diretta su facebook http://www.facebook.com/pages/BARABBAS-CLOWNS/112281568788285

Add comment agosto 13th, 2012

I Barabba’s clown in Rwanda per consegnare “sorrisi” a chi è meno fortunato

I Barabba’s clown, sono partiti per una tournée in Rwanda, dove dal 1995 sostengono l’Hameau des Jeunes. Diego, Raul, Antonio, Leo e Massimo avranno modo di incontrare tanti ragazzi e tante realtà del Rwanda amiche dell’Hameau des Jeunes.

L’Hameau des Jeunes S. Kizito, fondato da padre Hermann Schulz, detto Umugududu in kinyarwanda, e tradotto in italiano “villaggetto”; è nato in risposta ai bisogni di tanti ragazzi e giovani del territorio di Musha che necessitavano di un luogo famigliare dove crescere e sviluppare le loro doti attraverso una formazione integrale della loro persona che comprende non solo l’aspetto culturale e professionale, ma innazi tutto umano.

Padre Hermann ha quindi basato la vita dell’Hameau sui valori dell’accoglienza, della solidarietà, della religiosità (aperta a più credi) in un impegno costante di crescita, scandito sui ritmi dell’impegno quotidiano: lavoro, studio, gioco e servizio verso chi è in difficoltà.
Abituare i ragazzi, nella loro povertà, a rendersi conto che mai nessuno è così povero da non poter aiutare un’altra persona più povera ancora, ha condotto molti di loro ad accogliere questi valori e a porsi al servizio dei più giovani una volta cresciuti.
E’ da loro che è nata nel 2002 l’Hameau des Jeunes S. Kizito A.S.B.L.  un’associazione riconosciuta dallo stato rwandese che offre a tanti giovani servizi di accoglienza e formazione e che promuove progetti di sostenibilità e sviluppo del territorio di Musha e del distretto di Rwamagana.

Concretamente oggi l’Hameau des Jeunes è una casa che accoglie nello stile famigliare di Don Bosco circa 120 ragazzi, orfani, con situazioni famigliari disgregate o altamente problematiche ed alcuni ragazzi di strada provenienti dalla città di Kigali. Le abitazioni dei ragazzi nascono sparse sul dorso della collina che guarda sul lago Muhazi, dando vita a una piccola città dei ragazzi con al suo interno tante strutture a risposta dei bisogni che si sono espressi nel corso di questi trent’anni (ricostruito quasi nella sua totalità dopo il genocidio del 1994).

Add comment luglio 25th, 2012

I Barabba’s clowns incontrano i bimbi bielorussi di Chernobyl, anche la solidarietà si racconta con un sorriso!

Spettacolo inedito, ieri a Garbagnate presso il centro “Lo Scoiattolo”,  per i Barabba’s Clowns dedicato ai bimbi bielorussi di Chernobyl, ospitati dal comitato “Al di là dell’amore” nell’ambito della “Fondazione Nazionale Aiutiamoli a Vivere”.

I Barabba’s clowns sono dal 1978 in prima linea per il teatro con gli adolescenti e con i giovani, continuando la tradizione del teatro giovani San Domenico Savio di Arese.

Attraverso la figura del clown, ragazzi e giovani, messi con troppa facilità al margine, considerati “guasti” dalla gente perbene, hanno scoperto di avere dentro di sé una qualità, piuttosto rara ai nostri giorni, da donare in misura abbondante a chi incontrano, quella del sorriso.

Antonio, Leo, Diego e Raul, i più giovani della compagnia, hanno raccontato con lo stile tipico dei Barabba’s clowns, fatto di gag, scherzi, battute, scenette – dove il linguaggio lascia spazio al movimento e all’ improvvisazione – regalando tante occasioni di divertimento ai bimbi bielorussi e ai loro accompagnatori, dimostrando che la solidarietà si racconta soprattutto con un sorriso.

Lo spettacolo fa parte di un progetto, che si concretizzerà con un mese di permanenza dei più giovani Barabba’s in Rwanda, presso l’Hameau des Jeunes S. Kizito, associazione nata nel 2002 che offre a tanti giovani servizi di accoglienza e formazione e che promuove progetti di sostenibilità e sviluppo del territorio di Musha e del distretto di Rwamagana.

Concretamente oggi l’Hameau des Jeunes è una casa che accoglie nello stile famigliare di Don Bosco circa 120 ragazzi, orfani, con situazioni famigliari disgregate o altamente problematiche ed alcuni ragazzi di strada provenienti dalla città di Kigali.
Le abitazioni dei ragazzi nascono sparse sul dorso della collina che guarda sul lago Muhazi, dando vita a una piccola città dei ragazzi con al suo interno tante strutture a risposta dei bisogni che si sono espressi nel corso di questi trent’anni (ricostruito quasi nella sua totalità dopo il genocidio del 1994).

“Regalare il sorriso a chi è più povero e in difficoltà – vicini o lontani” –  sono sempre loro che hanno mantenuto vivo il  cuore dei Barabba’s clowns, che  in questi trentadue anni in scena e in strada si sono specializzati in consegna di Sorrisi.

Contatti diretti:

clown@barabbas.it » Info generali

spettacoli@barabbas.it » Spazio Cultura Teatro – richiesta spettacoli – formazione
ruanda@barabbas.it » Cooperazione e Sviluppo – intercultura

www.barabbas.it

Add comment giugno 11th, 2012

Se un uomo muore là ci sei tu

Riflessione sulla Pasqua, proposta agli educatori e formatori del Centro Salesiano al ritiro del 2009 da don Vittorio Chiari

Continue Reading Add comment aprile 8th, 2012

POETI & VAGABONDI HA FATTO CENTRO!

La prima dello spettacolo Mammazzo! è stata un grande successo. Circa 200 persone presenti e uno spettacolo raffinato e stupendo!

Continue Reading Add comment dicembre 3rd, 2011

Previous Posts


Categories

Links

Feeds